Attualità e Notizie

«Perché andare fino a Massabielle?»
inserito il 24.08.2016

Una riflessione sul senso del pellegrinaggio: nella vita c’è bisogno di luoghi che aiutino a prendersi il tempo necessario per mettere Dio al centro, per vedere Gesù nel fratello, per capire Maria.

Questa è un’obiezione sentita sovente: «perché spostarsi fino a Lourdes se Maria, nostra Madre, è presente dovunque?». L’affermazione è giusta: come non vedrebbero tutto coloro che vedono Colui che vede tutto? Ma all’obiezione rispondo dicendo che si va a Lourdes proprio per capire meglio che Maria è sempre con noi. Nell’atmosfera di Lourdes meglio si percepisce la Chiesa (e non mancano rappresentanti di diverse religioni, a volte con abiti sgargianti), si prega e si canta insieme a decine di migliaia di sorelle e di fratelli, si è edificati dalla fede dei malati, nutriti dalla Parola e dall’Eucaristia.

L’ideale si realizza quando noi pellegrini che lasciamo la grotta delle apparizioni ci rendiamo conto che d’ora in poi l’apparizione “della grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini, insegnandoci a rinnegare l’empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà” (Tito 2,11) siamo noi. In fondo il “ritorno” da Lourdes è più importante della semplice “andata” se ci porta a una radicale conversione della nostra vita al Vangelo di Gesù. Uno dei momenti più importanti del pellegrinaggio è la celebrazione del sacramento della riconciliazione. Si parla di “crisi” di questo sacramento, ma mi auguro che a Lourdes sia sparita, sia per i confessori (chiamati ad incarnare la misericordia di Dio che è incommensurabile), sia per i penitenti.

Conosco dei confratelli che passano le loro vacanze confessando a Lourdes. Beati loro! A Lourdes non si pone il problema del tempo e il dialogo che illumina questo sacramento può essere anche molto lungo. Aiutati dal confessore possiamo esprimere le nostre problematiche. Il suo stesso ascolto ci aiuta a tracciare una gerarchia di priorità: un conto è la distrazione nella preghiera (che ci colpisce tutti) e un conto è l’insulto al coniuge (che deve metterci in allarme). Oggi si parla di una certa flessione di pellegrini a questo santuario mariano a vantaggio di altri luoghi. È certo che là dove l’offerta per le confessioni e per la preghiera comunitaria è forte, l’afflusso è maggiore e sempre crescente. Già prima di Cristo si era capito (si pensi a Epidauro, Pergamo, Cos) che l’uomo è sollevato dalla sua sofferenza interiore se è ascoltato e av volto in quell’amore divino che lo rinnova.

Quante volte i pellegrini, ritornati a casa, portano una statuetta di Maria SS. e la collocano in una grotta costruita da loro! Ma il prolungamento del pellegrinaggio si concretizza se noi diventiamo maggiormente “apparizione” della misericordia di Dio. Il pellegrinaggio comincia quando finisce: nelle nostre case, nelle nostre parrocchie. Più noi incarniamo il Vangelo (si pensi anche soltanto al perdono incondizionato che offriamo a tutti, come ci ordina Gesù, in Luca 7, 27-35) e più siamo ritenuti dei pazzi (Atti 26,24), ma «ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini» (1 Corinzi 1,25).

La persone che ritornano da un pellegrinaggio vissuto intensamente sono effettivamente convertite e incarnano la Parola di Gesù, divenendo dav vero sua manifestazione, sua «apparizione». È in questa ottica evangelica di conversione che possiamo aiutare la società ad aprirsi all’amore e alla pace. Incarniamo così nel “terribile quotidiano” l’invito pressante di Maria: «Fate quello che Lui, Gesù, vi dirà» (Giovanni 2,5).

(di don Sandro Vitalini, articolo tratto dal GdP del 23.08.2016)
Buy hot-selling uk top quality replica watches uk from online store. Fast shipping. Money back guaranty.

Where can you buy Swiss made cartier replica watches uk? Swiss fake online store can be a good choice.



Home
Chi Siamo Calendario
Attualità e Notizie
Galleria Fotografica Downloads
Contatti
Links